Tour di New York in 3 giorni: il secondo

Prosegue il tour di New York in 3 giorni. Abbiamo continuato a scoprire le meraviglie del più bel quartiere di New York City: Manhattan.

Prosegue il nostro tour di New York in 3 giorni. Dopo aver debitamente riposato per smaltire i 20 km di passeggiata del giorno precedente, ci siamo risvegliati come in una favola facendo colazione sul tetto (rooftop), godendo di uno spettacolo mozzafiato di Manhattan. Credetemi se vi dico che quello spettacolo, mentre si è baciati dal sole, mette il buonumore. Endorfine a gogo!

tour di new york 3 giorni manhattan

Quanti appartamenti al mondo possono godere di uno spettacolo del genere?

Galvanizzati dal risveglio siamo saliti sul traghetto che collega Roosevelt Island a Manhattan, facendo scalo a Wall Street. Salire sul traghetto è un’esperienza caldamente consigliata: al costo di una corsa in metro avete la possibilità di osservare Manhattan in tutto il suo splendore. Giunti sulla terraferma abbiamo visitato prima la statua di Abramo Lincoln, poi quella del Charging Bull – il famoso toro di Wall Street – a cui si è recentemente aggiunta la Fearless Lady.

tour di new york 3 giorni fearless lady

La signorina che non ha paura di nulla, neanche dell’imponente toro furioso che le sta di fronte

Ma se volete proprio saperla tutta la vera attrazione è il “canyon” – questo il soprannome di Wall Street: l’altezza dei grattacieli è tale da impedire il passaggio della luce solare, proprio come in fondo a un canyon. Al suo interno ci si sente piccoli piccoli. Una sensazione da vivere assolutamente.

tour-di new york 3 giorni wall street

Si è spento il sole e chi l’ha spento sono i grattacieli

Il secondo giorno del tour di New York è stato “un tuffo nell’acqua”.

Galvanizzati dal primo abbiamo preso anche un secondo traghetto. Si chiama Staten Island Ferry ed è l’unico che consente gratuitamente di vedere la Statua della Libertà. Sottolineo: vedere. Il traghetto passa solo davanti – e neanche troppo vicino. Se desiderate salire sulla Statua oppure fotografarla da vicino dovete prendere obbligatoriamente dei traghetti a pagamento.

tour di new york 3 giorni staten island ferry

Se volete guardare gratis (da lontano) la Statua della Libertà ricordate questo nome: Staten Island Ferry

Noi abbiamo trovato l’esperienza discreta, comunque perfetta per chi come noi è low budget. La corsa viene effettuata ogni mezz’ora e non richiede prenotazione. In compenso consente di godere di una magnifica visuale dell’intera isola di Manhattan.

A questo punto è giunto il momento della memoria.

Abbiamo raggiunto Ground Zero, l’area resa tristemente famosa dall’attentato dell’11 Settembre. Il fato ha voluto che noi arrivassimo a New York lo stesso giorno ma abbiamo preferito evitare il caos del memoriale che si svolge in occasione di ogni anniversario, optando per la tranquillità del giorno dopo. Oggi, dove prima c’erano le Torri Gemelle, ci sono due enormi vasche d’acqua circondate da ringhiere con incisi tutti i nomi delle vittime dell’attentato. Obbligatorio un minuto di silenzio per commemorare le vittime.

tour di new york 3 giorni ground zero

Il memoriale dell’attentato dell’11 Settembre con i nomi di tutte le vittime

Poco più in là è stato eretto One, un enorme grattacielo ancora più alto dei due che lo hanno preceduto. Una prova di forza dello spirito americano che non si lascia piegare.

tour di new york 3 giorni one

Penultima tappa è stata il Ponte di Brooklyn, per raggiungere il quale abbiamo fatto una lunghissima passeggiata sulla riva del fiume Hudson prima di tornare a Times Square, di cui vi abbiamo già descritto lo splendore.

tour di new york 3 giorni brooklyn bridge

Abbiamo concluso la serata facendoci prendere per la gola. Quale miglior modo di concludere il nostro tour di New York se non assaggiando il suo celebre street food? A cena siamo stati al Burger Joint, considerato il locale con il più buon hamburger di New York City. Buono è buono, per carità, ma per un palato italiano ci vuole ben altro per conquistare il titolo di best hamburger. La cosa ganza è stata trovare il locale. Avevamo l’indirizzo ma dopo aver girato l’intero quartiere non siamo stati in grado di trovarlo. Gira che ti rigira, scopriamo che si trova all’interno di un hotel di lusso. Ma non è finita qui.

tour di new york 3 giorni burger joint

Burger Joint at Park Meridian: hamburger di modiche dimensioni a prezzi discreti (per New York)

Arrivare nella hall non basta perché il locale è letteralmente nascosto in un angolino. Se non ce lo avessero indicato non lo avremmo mai potuto raggiungere. La sua filosofia è semplice ed è la stessa che ne giustifica l’ubicazione: ai ricconi piace mangiare “sporco”. Tuttavia, siccome ricchi si può essere anche di spirito, quel fine serata lo abbiamo trascorso bevendo birra dall’alto di un rooftop, godendo di uno spettacolo di luci notturne come solo New York può.

tour di new york 3 giorni rooftop

Si conclude il secondo giorno del nostro tour di New York. Non bastano 48 ore per visitare Manhattan, gigantesco quartiere che ci avrebbe fatto compagnia nuovamente l’indomani.

Cosa ve ne pare del nostro secondo giorno a New York City? Quali di queste attrazioni avete visitato?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>