Warning: Use of undefined constant REQUEST_URI - assumed 'REQUEST_URI' (this will throw an Error in a future version of PHP) in /web/htdocs/www.simumatti.com/home/wp-content/themes/parallelus-go-explore/functions.php on line 73
Visitare il Kent: benvenuti nel giardino d'Inghilterra - SimuMatti

Visitare il Kent: benvenuti nel giardino d’Inghilterra

E’ una meta sottovalutata, eppure visitare il Kent è un’esperienza indimenticabile. Altrimenti perché lo chiamano “il giardino d’Inghilterra”?

State raccogliendo informazioni prima di visitare il Kent? Questo è l’articolo che fa per voi! Ci siamo stati un fine settimana e ci ha lasciato un ottimo ricordo. Il Kent è una Contea situata a sud-est di Londra. Possiamo tranquillamente affermare che si tratta di una regione molto sottovalutata dal punto di vista turistico.

Prima di partire leggere le attentamente le istruzioni d’uso.

Per visitare il Kent abbiamo noleggiato una macchina. Diversamente sarebbe stato impossibile riuscire a conciliare tutto in un solo weekend. La prima volta che guidai a sinistra fu uno shock. Quando andammo nel Kent avevamo alle spalle così tanti viaggi (e miglia) da non sentirne neanche più la differenza. A conti fatti ho percorso più km in un anno in Regno Unito che in tutta la mia vita. Se come noi intendete visitare il Kent in macchina vi conviene considerare il seguente dettaglio. Se passate dalla London Ringway – rete autostradale che circonda Londra – mettete in conto che potreste incorrere nella paralisi del traffico. Ergo, finché possibile adottate percorsi alternativi. Noi abbiamo percorso la M2 provenendo da Oxford. All’andata siamo quasi volati mentre al ritorno ci siamo dovuti sorbire un paio di ore di traffico.

Visitare il Kent: oltre a Canterbury c’è (molto) di più.

visitare il kent

Colori di Canterbury

La meta principale del Kent è Canterbury, sede della famosa Cattedrale. Per molti è sufficiente visitarla per dire di aver visitato il Kent. E invece no: il Kent ha molto altro da offrire. Il nostro consiglio è di prenderla come una meta a sé stante, da visitare con tutta calma. Del resto la regione è chiamata il “giardino d’Inghilterra” in quanto è una delle più lussureggianti di tutta la nazione. Non solo. E’ anche famosa per la produzione dell’omonimo luppolo, l’ingrediente impiegato per la produzione della birra inglese (Real Ale).

Faversham, la birra e il birrificio.

visitare il kent shepherd neame

Shepherd Neame: un birrificio che sembra un museo

La nostra prima tappa è stata Faversham, un paese di circa 17 mila anime sconosciuto ai più. La sua scarsa fama è dovuta al mercato cittadino e all’attore e regista Thomas A. Wise, diventato celebre per alcune opere girate durante la Prima Guerra Mondiale. Tutto molto bello, ma noi avevamo un’altra ragione per fermarci qui. Quella ragione si chiamava birra. Faversham, infatti, è sede del birrificio Shepherd Neame, il più vecchio di tutta l’Inghilterra – quello della birra Spitfire per intenderci. Non fatevi confondere da ciò che vi suggerisce Google Maps: per entrare in birrificio bisogna entrare in un negozio. Il birrificio organizza tour guidati che potrebbero interessare anche i non amanti della birra: conserva buona parte della struttura e degli impianti originali del 1698 e visitarlo è come essere in un museo. Se invece amate la birra vi farà piacere sapere che il tour si conclude con l’assaggio di ben 6 birre. Burp!

Verso le scogliere di Dover. O forse no?

Dopo Faversham ci siamo mossi in direzione Dover. Altra cittadina, altra attrattiva. Mi riferisco alle Scogliere di Dover (Cliffs of Dover), posizionate a strapiombo sul mare e affacciate sul Canale della Manica. A renderle famose è la caratteristica colorazione biancastra dovuta alla composizione di gesso e calcare. Purtroppo a noi è intercorso un serio imprevisto. Breve precisazione: per chi non lo sapesse sotto la Manica si trova il tunnel che collega l’Inghilterra al continente. Ebbene, proprio in quei giorni la Francia fu sede di un attentato. Questo ha comportato il blocco temporaneo dei collegamenti su ruote tra Francia e Inghilterra. Di conseguenza anche l’autostrada per arrivare a Dover era completamente intasata. Per fortuna ce ne siamo accorti in tempo e siamo riusciti a tornare indietro.

Abbiamo dovuto dire addio alle scogliere ma in compenso abbiamo salvato una vacanza: avremmo scoperto che la gente è rimasta intasata nel traffico anche fino a due giorni! Non possiamo confermarvi la presunta beltà delle scogliere. Tuttavia, a detta degli inglesi, non sono uno spettacolo imperdibile. Le malelingue sostengono addirittura che siano state dipinte e quel bianco accecante non sia il colore originale. Lasciamo a voi la facoltà di decidere se valga o meno la pena di visitarle.

Folkestone, tanta roba!

visitare il kent folkestone

Folkestone è stata una piacevole scoperta

Il nostro itinerario per visitare il Kent prosegue con Folkestone,cittadina affacciata sullo Stretto di Dover. E’ sede dell’annuale Kent Blossom Music Festival (KBMF) che celebra a suon di musica l’arrivo della bella stagione (Giugno/Luglio). Ne sapevamo ben poco ma siamo stati fortunati a visitarla. Una sole notte è bastata affinché ci affascinasse con le sue viuzze zeppe di piccoli locali, la musica, il quartiere degli artisti. Impossibile non visitare l’area portuale, epicentro della movida notturna.

visitare il kent faro

L’area portuale di Folkestone è un coacervo di graziosi bistrot

Qui, assieme al faro, verrete accolti da una caterva di caratteristici localini ristorativi collocati all’interno di un porticato. E se il clima sarà mite all’esterno troverete numerosi food truck con musica e street food. Noi ci siamo stati poco dopo la fine dell’inverno ed era già un’area in fermento. Non oso immaginare cosa possa accadere estate. Dev’essere uno spettacolo.

Avete bisogno di altre ragioni per visitare il Kent? Sentite a noi, preparate gli zaini e partite. Il giardino d’Inghilterra è pronto ad accogliervi con la sua miriade di attrazioni.

Anche voi avete intenzione di visitare il Kent? Quali di queste località vi affascinano di più? Quali altre consigliate di visitare?

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>